Agriturismo Azienda Agrituristica Macchia di Tuono

C.da Macchia di Tuono di San Giovanni in Fiore (Cs) – 87055

Cod. Azienda 119CS006 – P. Iva 01804800785

Cell. 333.4274026 Web: macchiadituono.it E-mail: info@macchiadituono.it

MACCHIA DI TUONO, UNA STORIA DI SECOLI

L’Azienda Agricola Macchia di Tuono di proprietà della Dott.ssa Rosa Barberio è situata nel cuore verde del polmone silano, nel comune di San Giovanni in Fiore (Cs), a ridosso del Parco Nazionale della Sila. La tenuta si estende per 102 ettari, di cui 60 seminativi e 42 di bosco. L’intera proprietà è situata su un altipiano ad un’altezza media di 1.180 metri s.l.m., in posizione privileggiata, soleggiata dall’alba al tramonto.

La storia dell’Azienda risale alla fine del 1700 quando il dr. Francesco Barberio, farmacista di formazione e professione, spinto da un grande sentimento di attaccamento alla terra, al bestiame ed alla natura in generale decise di valorizzare il proprio fondo dando vita all’Azienda Macchia di Tuono.

Sin da allora le sue tradizioni sono state scrupolosamente tramandate di generazione in generazione ed adeguate, nel corso degli anni, al progresso scientifico e tecnologico col solo fine di migliorare il prodotto finale. L’azienda è a conduzione rigorosamente biologica.  La sua prerogativa assoluta, infatti, è la qualità.

Sotto la guida della dott.ssa Rosa Barberio e del figlio, dr. Giovanni Tripodi, l’Azienda si è notevolmente sviluppata, allargando i propri orizzonti verso nuovi traguardi e servizi offerti. Macchia di Tuono dispone, infatti, di mezzi agricoli moderni ed efficienti in grado di poter affrontare in completa autonomia ed indipendenza ogni tipo di raccolto a vantaggio della qualità e dell’efficienza. L’Azienda Agricola oggi è anche Azienda Didattica, Agriturismo e Macelleria.

Servizi della struttura:

serviziMacchiaTuono

RICETTA TIPICA DELL’AGRITURISMO MACCHIA DI TUONO:

PACCHERI CON PUREA DI FAVE

Ingredienti:

Fave (secche, sgusciate)
Olio extravergine d’oliva
Sale

Paccheri
Preparazione Purea di Fave:

Innanzitutto le fave devono rimanere in ammollo per almeno 12 ore.
A questo punto prendete un pentola con i bordi alti, versate dentro le fave, ricoprite interamente con l’ acqua e mettete sul fuoco a fiamma bassa.
Le fave devono diventare purea, quindi il tutto deve bollire per diversi minuti, unica cosa che dovete fare è rimestare spesso per evitare la formazione di grumi, se avete una frusta è l’ ideale, fate cuocere finchè non sarà diventato vero e proprio purea,  a parte cuocere i paccheri  e  condite con un filo d’ olio e del sale, e rimestate di nuovo, servite,  Buon Appetito!!!

 

Legenda Servizi:

legendaservizi

 

  • Profilo Facebook Ospitalità Naturale in Sila

  • Users on page

    Now online: 1
    Overall: 13357