Pedace

Agriturismi a Pedace

Rifugio di Montagna Prato Piano di Peppino Curcio

 

Pedace

Le origini di Pedace si attestano intorno all’anno mille,dopo che un gruppo di cosentini sfuggiti alla razzia dell’arabo Abulcasino, trovarono riparo sulla riva del fiume Cardone.

Pedace si adagia su di una collina a forma di piede, diede i Natali a Michele De Marco, in arte “Ciardullo” (1884 – 1921), poeta,drammaturgo e giornalista.

Codesto fu iniziatore del teatro dialettale Calabrese e nel 1940 pubblicò il suo capolavoro in versi, “Statti tranquillu….nun ce pensare”, dal quale si evince  tutta la sua poetica fatta di riso scoppiettante,dietro la quale si celano l’amore e il dolore per le  condizioni dei più deboli.

Pedace è  conosciuta come la “ Toledo” della Calabria poiché  un tempo molti abitanti praticavano  l’attività di fabbri e arrotini, producendo grandi quantità di lame e coltelli.

Si festeggia la Madonna Addolorata detta “la Pecorella”.

In occasione si prepara la “ Cuccia” una pietanza a base di grano e carne di maiale e Capra.

http://comune.pedace.cs.it

  • Profilo Facebook Ospitalità Naturale in Sila

  • Users on page

    Now online: 1
    Overall: 9523